visitefiscali

E’ arrivata l’ora di fare chiarezza anche nel variegato mondo sindacale.

Senza entrare nel merito della validità dell’azione sindacale degli ultimi anni, sull’onda degli ultimi scandali venuti alla luce negli ultimi giorni, con i riflettori mediatici accesi occorre fare finalmente trasparenza anche in questo ambito.

Dove sarebbe l’oltraggio alla democrazia se qualcuno si permette di chiedere quale sia l’effettivo numero degli iscritti ad ogni sigla?

Dove sarebbe l’oltraggio alla democrazia se viene proposto che abbiano potere di firma e di aderire ai tavoli di trattativa solo le sigle che arrivano alla soglia di almeno il 5% degli iscritti sul totale di quella categoria?

Dove sarebbe l’oltraggio alla democrazia chiedere trasparenza nei bilanci di tutti i sindacati?

E’, invece, imbarazzante il comportamento omertoso di chi non dice apertamente la corposità numerica dei propri iscritti (cosa hanno da nascondere?) ed è francamente scandaloso vedere l’entità dei compensi di alcuni dirigenti sindacali, venuta allo scoperto solo grazie al coraggio di singoli (vedi il caso dell’ex dirigente della CISL del Veneto Fausto Scandola riportato recentemente da Repubblica).

Nel settore privato, l’accordo firmato il 10 gennaio 2014 tra CGIL, CISL e UIL e Confindustria prevede che debba essere l’INPS a conteggiare il numero di iscritti. Peccato che le aziende, non avendone l’obbligo per legge, non abbiano mai comunicato i dati: come è costume in Italia, se non si è obbligati, se non c’è un controllo con delle pene accessorie, con la mole di burocrazia a cui siamo chiamati a rispondere, anche una banale richiesta come questa non viene evasa.

Nel settore dei pensionati, è sempre l’INPS che deve rispondere dei dati: qui risulta che gli iscritti ai sindacati sono 7,1 mln su un totale di 15,8.

Come dice Enrico Marra nel suo articolo sul Corriere della Sera del 13 agosto, dai dati ottenuti dalla sua testata risulta “una differenza tra iscritti reali del 20% in meno per le tre maggiori confederazioni e del 1000% per sigle minori come l’Ugl e la Cisal”.

Nello studio prodotto dalla Consal in Italia ci sarebbero “oltre 3 mln di iscritti fantasma”.

I sindacati, almeno finora, sono considerati associazioni di fatto e il numero degli iscritti (dei sindacati ma anche di associazioni imprenditoriali, da Confindustria in giù) non è pubblico, così come lo sono i loro bilanci. Nemmeno la triplice presenta un bilancio di tutta l’organizzazione ma solo i budget separati per ogni struttura (e così veniamo a sapere che solo di tessere incassano circa 1,2 miliardi all’anno). Dalle casse erariali i CAF riscuotono 170 milioni e i patronati 400.

Il premier Renzi ha già dichiarato che occorre prendere provvedimenti, proprio per garantire i diritti e gli interessi dei lavoratori.

Sicuramente la situazione va normata in modo da garantire maggiore trasparenza e maggior tutela a vantaggio dei lavoratori stessi: rendere pubblico il numero degli iscritti e poter mettere così una soglia di rappresentanza per avere potere di firma e di accesso ai tavoli di trattativa (quindi, parliamo anche in ambito di medicina fiscale) sono i primi, necessari passi.

Del resto, la tutela dei lavoratori è il primo principio che muove l’attività della medicina fiscale stessa.

 

Federica Ferraroni

Tags: ,

Comments are closed.

L'amministratore della rivista "La Medicina Fiscale"

Medici fiscali, Vargiu: “Polo Unico di controllo per garantire i diritti dei lavoratori in malattia”

  “Per garantire il diritto di malattia di tutti i lavoratori occorre evitare ogni abuso di assenze e certificazioni. Confondere […]

Un accordo alto

Giovedì scorso, 20 marzo, a Roma presso la sede INPS di Via Ciro il Grande, su invito della Dirigenza dell’Ente, […]

Lettera Aperta del Segretario Nazionale FIMMG Giacomo Milillo

Lettera aperta al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e a tutti i Parlamentari.   Egregio Ministro Poletti, Onorevoli […]

INVITO UFFICIALE

A seguito dei nuovi recenti sviluppi, dell’invito da parte dell’INPS all’incontro del 20 marzo e al successivo incontro  che si […]

on. Teresa Bellanova, nuovo sottosegretario al Lavoro

teresa

  Teresa Bellanova   è nata a Ceglie Messapica, Brindisi, il 17 agosto 1958. E’ sposata con Abdellah El Motassime.   Comincia […]

La nostra lettera all’ on. Vargiu

Gentile Presidente Vargiu analizzando quanto rappresentato dall’INPS nell’audizione del 26 febbraio 2014, vorremmo sottoporre alla sua attenzione alcuni punti sui […]

Giulia Grillo, il nuovo ministro della Salute

giulia grillo

Giulia Grillo è nata a Catania il 30 maggio 1975. Si laurea in Medicina e Chirurgia nel 1999 e si […]

Lo stato dell’arte dei lavori per l’ACN dei medici fiscali

privacy

Dopo che lo scorso 9 maggio si è tenuta la seduta plenaria tra le sigle sindacali e associative (ANMEFI, ANMI-Femepa, […]

Giulia Bongiorno, il nuovo ministro della PA

bongiorno

Giulia Bongiorno è nata a Palermo il 22 marzo 1966. Studi classici, laurea in Giurisprudenza, si è iscritta all’Ordine degli […]

Risoluzione del Parlamento europeo contro la precarietà

parlamento europeo

P8_TA-PROV(2018)0242 TESTI APPROVATI Edizione provvisoria Risposta alle petizioni riguardanti la lotta alla precarietà e all’abuso dei contratti a tempo determinato […]

Grazie

Grazie_

Nel giorno del passaggio di consegne, la redazione de lamedicinafiscale.it sente di ringraziare il governo Gentiloni per aver portato a […]

Nasce il nuovo governo

conte

Alla vigilia della Festa della Repubblica, ad 89 giorni dalle politiche del 4 marzo, nasce il governo M5S-Lega. Giuseppe Conte, 53 […]