Contratto rinnovato per gli Enti Locali

Contratto rinnovato, dopo 9 anni di attesa, per i 467 mila dipendenti di Regioni, Province e Comuni.

E’ stato siglato, infatti, l’accordo 2016-2018 tra governo e sindacati con la conferma degli 85 euro lordi al mese con la salvaguardia del bonus di 80 euro per le fasce di reddito più basse.

Resta ancora senza contratto tutto il comparto sanità e tra questi 150 mila medici e 280 mila infermieri.

All’Aran è stato sbloccato due giorni fa l’atto integrativo per i medici e i dirigenti sanitari che ha portato all’avvio del confronto per il rinnovo del contratto e questo ha portato alla revoca dello sciopero dei medici programmato per domani, 23 febbraio. In Sisac, il prossimo primo marzo si incontreranno le OOSS per trattare il rinnovo dell’ACN per la medicina generale.

Dovrebbe essere in dirittura d’arrivo, dopo 10 anni di attesa, anche il primo accordo collettivo nazionale per i medici INPS, sulla falsariga degli ACN, presenti in SISAC, di tutti i medici convenzionati (medici di medicina generale, pediatri e specialisti ambulatoriali):  il relativo atto di indirizzo è stato emanato nello scorso settembre ed è aperto da allora il tavolo tecnico tra le parti (INPS e sindacati).

“Concluderemo il percorso”, ha ribadito ancora una volta il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia.

 

Federica Ferraroni

© Riproduzione riservata