Decreto Concretezza: in commissione Lavoro al Senato

Nella seduta n. 53 del 3 dicembre 2018, è stato presentato l’emendamento 4.0.2 a prima firma Rizzotti e riguarda i medici esterni Inps.

Il 4 dicembre 2018, il relatore ha manifestato “altresì una valutazione contraria, per i profili di finanza pubblica, sugli emendamenti 4.0.2, per mancanza di relazione tecnica necessaria a verificare la corretta quantificazione degli oneri”: la proposta di parere, posta ai voti, è stata approvata.

4.0.2

Rizzotti, Stabile, Floris, Toffanin, Gallone, De Poli

Dopo l’articolo, è aggiunto il seguente:

«4-bis.

(Assunzioni medici Inps – riduzione rapporti esterni)

        1. Al fine di assicurare efficienza ed efficacia degli accertamenti dei requisiti sanitari in materia di invalidità civile l’INPS, in attesa dell’approvazione del piano dei fabbisogni relativamente al proprio personale medico, è autorizzato ad indire con modalità d’urgenza un concorso per dirigenti medici nella misura di un contingente complessivamente corrispondente al 100 per cento del personale di ruolo cessato dal servizio a partire dall’entrata in vigore dell’articolo 1, comma 111, della legge 24 dicembre 2012 n. 228 e del numero di posti vacanti nella dotazione organica del personale medico dell’Istituto al 31 dicembre 2012.

2. Nelle more dell’espletamento delle procedute concorsuali, l’INPS è autorizzato a prorogare di un anno la validità delle graduatorie regionali e dei relativi contratti dei medici specialisti convenzionati con incarichi professionali a tempo determinato finalizzati all’espletamento degli adempimenti medico legali dell’ente.

3. In caso di esaurimento di una delle graduatorie regionali di cui al comma 2, potrà essere indetta una nuova procedura selettiva, esclusivamente su base regionale, per incarichi della durata massima di un anno».

Conseguentemente, agli oneri derivanti dalla presente disposizione, pari a 50 milioni di euro a decorrere dal 2019, si provvede mediante corrispondente riduzione delle proiezioni dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2018-2020, nell’ambito del programma ”Fondi di riserva e speciali” della missione ”Fondi da ripartire” dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per l’anno 2018, allo scopo utilizzando l’accantonamento relativo al Ministero dell’economia e delle finanze.