In questi giorni, due riforme stanno viaggiando in parallelo e stanno affrontando, in modi diversi, lo stesso problema: la riorganizzazione della pubblica amministrazione, per renderla più efficiente e, al contempo, meno dispendiosa per le casse erariali.

La riforma Madia della pubblica amministrazione in toto e la riforma Boeri dell’INPS in particolare.

Da una parte, la riforma Madia è alle fasi finali e, tra le molte questioni sul tavolo, si sta cercando di ovviare ad un aspetto che da sempre crea problemi: le nomine dei dirigenti pubblici.

Dall’altra, la riforma Boeri si ripropone, oltre alla rimodulazione di tutto l’assetto organizzativo dell’INPS e alla visione della nuova governance, di ridistribuire i poteri e gli equilibri tra i vari “attori” del colosso previdenziale (direttore generale, CIV, CdA….). Del resto, la riorganizzazione dell’Ente è uno dei compiti previsti dallo stesso premier Renzi fin dal momento in cui aveva proposto a Boeri di assumere l’incarico di presidente INPS, anche alla luce del progressivo aumento dell’età media degli attuali dipendenti dovuto all’ormai anacronistico e insostenibile blocco delle assunzioni.

Sia la riforma Madia che quella Boeri stanno affrontando gli ostacoli finali di una problematica complessa, che contribuisce a bloccare e a rendere farraginosa la macchina della pubblica amministrazione e stanno attraversando un momento cruciale per la loro stessa applicazione: il ministro Madia ha annunciato che vuole presentare la sua riforma entro la fine del mese e dovrebbe avere la stessa tempistica anche la riforma Boeri.

Analogo parallelismo ha anche la riforma della Medicina Fiscale che vede coinvolti, in un analogo tandem, ministero della funzione pubblica e INPS. La riforma della Medicina Fiscale è inserita all’interno della riforma Madia e ha un triplice intento: quello di rendere più efficace il servizio delle visite di controllo nel settore pubblico, di renderlo uniforme con il settore privato e stabilizzare i medici che prestano il loro servizio in questo ambito da più di venti anni. Se da una parte il legislatore deve trovare le formule giuste per centrare questi obiettivi, dall’altra sarà proprio l’INPS l’ente designato per applicare queste nuove, necessarie norme. Con la stessa tempistica annunciata dal Ministro Madia per la sua riforma, mattone fondamentale nella tabella di marcia del programma di riforme del governo Renzi.

Federica Ferraroni

Tags: , , , , , ,

Comments are closed.

L'amministratore della rivista "La Medicina Fiscale"

Medici fiscali, Vargiu: “Polo Unico di controllo per garantire i diritti dei lavoratori in malattia”

  “Per garantire il diritto di malattia di tutti i lavoratori occorre evitare ogni abuso di assenze e certificazioni. Confondere […]

Un accordo alto

Giovedì scorso, 20 marzo, a Roma presso la sede INPS di Via Ciro il Grande, su invito della Dirigenza dell’Ente, […]

Lettera Aperta del Segretario Nazionale FIMMG Giacomo Milillo

Lettera aperta al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e a tutti i Parlamentari.   Egregio Ministro Poletti, Onorevoli […]

INVITO UFFICIALE

A seguito dei nuovi recenti sviluppi, dell’invito da parte dell’INPS all’incontro del 20 marzo e al successivo incontro  che si […]

on. Teresa Bellanova, nuovo sottosegretario al Lavoro

teresa

  Teresa Bellanova   è nata a Ceglie Messapica, Brindisi, il 17 agosto 1958. E’ sposata con Abdellah El Motassime.   Comincia […]

La nostra lettera all’ on. Vargiu

Gentile Presidente Vargiu analizzando quanto rappresentato dall’INPS nell’audizione del 26 febbraio 2014, vorremmo sottoporre alla sua attenzione alcuni punti sui […]

La FNOMCeO scrive ai ministri: stabilizzare i medici fiscali e i medici convenzionati esterni

FNOMCeO1

Stipulare in tempi brevi l’Accordo Collettivo nazionale per disciplinare il rapporto di lavoro tra l’INPS e i medici fiscali, e […]

Ancora su lavoro autonomo e subordinato. Parte 5

privacy

Vediamo ora una recente (25 giugno 2018) sentenza della Corte di Cassazione che interviene sui criteri che distinguono un lavoro […]

Corso formativo ANMEFI

locandinaanmefi

Il 30 giugno 2018, a Ferrara, il quarto corso formativo: “Aspetti medico-legali della certificazione nella pubblica amministrazione e delle visite […]

Giulia Grillo, il nuovo ministro della Salute

giulia grillo

Giulia Grillo è nata a Catania il 30 maggio 1975. Si laurea in Medicina e Chirurgia nel 1999 e si […]

Lo stato dell’arte dei lavori per l’ACN dei medici fiscali

privacy

Dopo che lo scorso 9 maggio si è tenuta la seduta plenaria tra le sigle sindacali e associative (ANMEFI, ANMI-Femepa, […]

Giulia Bongiorno, il nuovo ministro della PA

bongiorno

Giulia Bongiorno è nata a Palermo il 22 marzo 1966. Studi classici, laurea in Giurisprudenza, si è iscritta all’Ordine degli […]