I l corpo medici INPS è formato da circa 2750 professionisti, così ripartiti: circa 400 dipendenti, 1250 medici fiscali e 1100 medici esterni.

Nel 1989 i medici “interni”, dipendenti, erano circa 1500 e l’attività dei centri medico-legali era limitata all’invalidità previdenziale: da allora il Centro Medico Legale è cresciuto moltissimo in termini di aumento di competenze richieste e di mole di lavoro (si è aggiunta tutta l’invalidità civile: manca all’appello solo la prima istanza, ancora in capo alle Regioni).

Dal 1989 non vengono più banditi concorsi di assunzione e i pensionamenti degli interni, insieme all’aumento di attività, hanno richiesto un’implementazione del numero di medici impiegati nelle numerose e complesse attività di sede. Dal 2009 si è, così, dato il via a bandi di selezione, a durata finora annuale e a numero progressivamente crescente (di medici e ore di lavoro), finalizzati all’impiego di contrattisti esterni, che svolgono in tutto e per tutto lo stesso lavoro dei colleghi omologhi interni, ma con un trattamento economico e professionale esageratamente differente.

Diverso è il discorso dei medici fiscali, da sempre medici non di sede, impiegati “solo” per l’importante funzione di espletare le visite domiciliari sui lavoratori assenti per malattia, che l’INPS deve svolgere per legge.

Il centro studi lamedicinafiscale.it inizia, così, un viaggio a puntate nel mondo dell’attività di sede INPS, guardando con particolare attenzione al servizio svolto dai medici esterni.

 

BREVI CENNI STORICI

La collaborazione di medici esterni con l’Inps è iniziata intorno al 2008, periodo in cui iniziò a concretizzarsi l’affidamento all’Istituto delle competenze in materia di Invalidità Civile e, contemporaneamente, si consolidò il piano di Verifiche Straordinarie, tanto che – in quell’anno, le Commissioni Mediche di Verifica, cui parteciparono anche i medici esterni, esaminarono oltre 2.000.000 di fascicoli .

Il costo del compenso ai componenti esterni delle Commissioni fu di 3.233.200,10 Euro, con uno scostamento di Euro 733.200,10 rispetto alle previsioni a causa di incremento delle visite effettuate rispetto a quelle preventivate, mentre la differenza percentuale di tale costo, rispetto al consuntivo del 2007, ammontò al 186,68%, così come si evince dalla TABELLA N. 10 dei Rendiconti generali, anno 2008, Tomo I, pg 120 di cui si riporta la singola voce:

 

Tabella 1 –

TITOLO IUSCITE CORRENTIUscite per l’acquisto di beni di consumo e di servizi CONSUNTIVO 2007 ANNO 2008 DIFFERENZA RISPETTO AL CONSUNTIVO 2007
PREVISIONI ORIGINARIE PREVISIONI AGGIORNATE CONSUNTIVO VALORI ASSOLUTI %
(a) (b) (c) (d) (d-a)
(importo in euro)
Capitolo CdR   Altre strutture di direzione generale (UPB 8)
Cap. 81104064 mediche per l’accertamento sanitario dell’invalidita’ 1.127.816,44 2.500.000,00 2.500.000,00 3.233.200,10 2.105.383,66 186,68

Fonte INPS: TABELLA N. 10 – Rendiconti generali – anno 2008 Tomo I Pag120

 

Anno 2009

 

Alla fine del 2009 fu indetto un bando per 310 medici esterni e, in quell’anno, il compenso complessivo riportato nel relativo bilancio consuntivo fu di Euro 5.567.599,22 [1].

Per quanto attiene il personale dipendente, anche se non siamo in possesso del dato ufficiale, possiamo stimare che in quel periodo i medici assunti a tempo indeterminato fossero tra le 1200-1300 unità, soprattutto se si tiene in debito conto che l’ultimo Concorso Pubblico indetto dall’Istituto per l’assunzione di medici a tempo indeterminato risale ormai al lontano 1989.

Sempre in quell’anno vi fu una riorganizzazione dell’Area Medico-Legale, che risultò così articolata:

 

  • 1 Coordinamento Generale
  • 10 Coordinamenti centrali
  • 20 Centri medico-legali ad elevata complessità
  • 89 Centri medico-legali provinciali (di cui 20 con funzioni di coordinamento regionale)

 

  • 120 dirigenti medico-legali di ii livello
  • 543 dirigenti medico-legali di i livello
  • 537 Collaboratori sanitari

 

Anno 2010

 

In quest’anno, ai sensi dell’art. 20 del D.L. 78/2009, convertito nella L. 102/2009, venne applicata la disposizione per cui le domande di Invalidità Civile dovevano essere presentate all’INPS solo in via telematica. Le domande presentate furono 1.824.515, di cui 1.022.774 per l’invalidità civile e 683.175 per il riconoscimento dello stato di handicap ex legge 104/92.

Anche le ASL furono coinvolte in tale processo, così come si evince dal Rendiconti generali anno 2010, Tomo I, 83:

Delle 156 ASL accreditate, il 76% circa ha attivato la calendarizzazione telematica delle visite. Dalla procedura informatizzata risulta che: sono stati convocati a visita n. 434.251 soggetti; il 40,66% è stato visitato dalle CMI, riunite con la presenza del medico INPS nel 46,06% dei casi; i verbali redatti sono stati n. 176.561, di cui chiusi n.168.812 e sospesi per ulteriori accertamenti n. 7.749. Le Regioni che presentano i più bassi valori percentuali di presenza del medico INPS nelle CMI sono: la Sardegna (4,28%), la Liguria (15,52%), le Marche (28,57%), la Campania (32,23%) e la Sicilia (36,69%). Il totale delle provvidenze economiche liquidate dall’Istituto è stato pari a n. 464.079.

Da questo Rapporto, si evince – dunque – che la partecipazione dei medici alle CMI (Commissioni Mediche Integrate) fu soltanto del 46% con variazioni regionali significative. Tale dato può essere interpretato con la considerazione di fatto che proprio in quel periodo iniziò a consolidarsi l’abitudine di utilizzare i medici esterni non più soltanto per le attività inerenti l’Invalidità Civile, ma anche per le attività di sede, prime fra tutte le visite di invalidità/inabilità in ambito previdenziale. Oltre che – per le Sedi che avevano a disposizione specialisti in Medicina Legale – in qualità di Consulenti di Parte per l’Istituto, nelle cause civili.

Relativamente all’attività previdenziale, in quest’anno, le domande per assegno di invalidità furono (2010: 75663, di cui 43.157 accolte, 30.624 respinte, 4.510 annullate, trasferite o respinte. Giacenza: 7.529)

Quelle per pensione di inabilità: 75.469, di cui 10.088 accolte, 64.965 respinte, 4.439 annullate, trasferite o respinte. Giacenza: 10.658

Mentre per l’Invalidità civile i verbali inviati dalle ASL furono: 521.604, accolte 450.772, respinte 70.832

Il compenso erogato ai medici esterni fu di: Euro 10.717.277,71 ed il contratto fu rinnovato per un anno.

 

Anno 2011

 

Relativamente all’attività previdenziale, in quest’anno, le domande per assegno di invalidità furono

73.529, di cui 40.654 accolte, 28.779 respinte, 5.179 annullate, trasferite o respinte. Giacenza: 6.884.

Quelle per pensione di inabilità: 70.980, di cui 8.206 accolte, 59.265 respinte, 4.846 annullate, trasferite o respinte. Giacenza: 9.321

Mentre per l’Invalidità civile i flussi furono: 511.173 inviati dalle ASL, accolte 450.772 domane, respinte

Il compenso annuo ai Medici Esterni fu di 34.325.679,39 a fronte di una previsione definitiva di 25.500.000,00 con un gap di 8.825.679,39 in più, commentato dalla seguente NOTA: L’assolvimento dei compiti affidati all’Istituto in materia di invalidità civile ha prodotto un aumento delle connesse attività di verifica delle commissioni mediche e la necessità di incrementare il numero dei medici esterni convenzionati

Il contratto dei Medici Esterni venne rinnovato per un anno.

 

Anno 2012

 

Relativamente all’attività previdenziale, in quest’anno, le domande per assegno di invalidità furono

81.114, di cui 42.780 accolte, 31.689 respinte

Quelle per pensione di inabilità: 66.808, di cui 7.926 accolte, 55.087 respinte

Mentre per l’Invalidità civile i flussi furono: 608.991 verbali inviati dalle ASL, domande accolte 478.008, respinte 62.806

Nel Rendiconto Generale di quest’anno, tra gli “aspetti meritevoli di considerazione” il Collegio dei Sindaci rileva quanto segue:

Con riferimento all’Area Medico Legale il Collegio rileva la mancata indicazione dei risultati delle verifiche straordinarie previste dall’art. 10, comma 4, della legge n. 122/2010, individuato quale obiettivo nella Nota Preliminare 2012 al punto 2.6., come anche l’assenza di qualsivoglia indicazione circa le attività svolte dai medici esterni.

A tale ultimo proposito, nel corso della propria attività di controllo, il Collegio ha acquisito specifiche informazioni da parte dell’Amministrazione, che ha riferito: “Per quanto attiene le verifiche straordinarie nell’anno 2012, a seguito di non conferma della permanenza dei requisiti medico legali, le revoche delle prestazioni economiche in atto sono state 31.013, le ricostituzioni sono state n. 8.122 con un risparmio complessivo mensile di € 14.234.659,07 ed annuale di € 172.498.657”.

E, nell’analisi voci del conto di bilancio, si rinviene:

Cap. 5U1104064 – Compensi ai componenti esterni delle commissioni mediche per l’accertamento dell’invalidità’ civile, delle situazioni di handicap e di disabilità. La spesa impegnata ammonta complessivamente a 36,4 mln, superiore di 2,1 mln rispetto al 2011, per la maggiore attività espletata in relazione ai compiti di accertamento attribuiti dal legislatore in materia.

(Rendiconti generali – anno 2012 Tomo I 625)

l compensi ai Medici Esterni fu di Euro 36.431.434,94 ed il contratto venne ulteriormente prorogato di un anno.

 

Anno 2013

 

Assetto territoriale dell’Istituto

 

1  Direzione Generale: Assicura, attraverso le Direzioni Centrali ed i Progetti Nazionali, il governo dell’intero sistema di gestione dell’Ente
159  Direzioni Regionali: Governano le risorse assegnate ed hanno la completa responsabilità per il conseguimento dei risultati diretti ad assicurare la governance sul territorio; verificano i livelli e la qualità dei servizi erogati dalle strutture, anche con riferimento all’attuazione delle procedure di prevenzione e diminuzione dei rischi aziendaliDirezioni Provinciali e Direzioni Metropolitane: Svolgono le attività, sia di front office che di back office, che di gestione dei flussi assicurativi, contributivi ed i conti individuali ed aziendali 
5  Filiali di Coordinamento ex INPDAP: Al pari delle Direzioni Provinciali INPS assicurano la gestione integrata del soggetto contribuente e coordinano e controllano la produzione di prodotti e servizi delle Agenzie afferenti
10  Sedi Territoriali ex INPDAP: Dipendono gerarchicamente e funzionalmente dalle Direzioni Regionali INPS. Garantiscono l’erogazione delle sole prestazioni ex INPDAP con eventuali servizi di consulenza
376 Agenzie: Strutture operative volte ad espletare funzioni di produzione dei servizi ed attività di sportello (front office)
31  Punti INPS: Strutture organizzative semplici, istituite in sinergia con altre PPAA , che rispondono alla sede territoriale di competenza, dove il personale dell’Istituto, su prenotazione, provvede a soddisfare le richieste degli utenti
1.645 Punti Cliente: Sportelli telematici istituiti presso Enti Locali e Pubbliche Amministrazioni
243 Presidi presso i Consolati: Svolgono funzione di assistenza ai cittadini italiani residenti all’estero, in materia di sicurezza sociale: Svolgono funzione di assistenza ai cittadini italiani residenti all’estero, in materia di sicurezza sociale

 

Non si è rinvenuto il compenso erogato ai Medici Esterni di quest’anno

Nel 2013 viene pubblicato un nuovo bando per 998 medici e solo successivamente si viene a conoscenza di una avvenuta obbligatoria rotazione di sede a livello nazionale, per cui i medici che avevano già prestato la loro opera presso una sede furono costretti a firmare il contratto per una sede di altra Provincia nella stessa Regione. Piuttosto spesso questo è accaduto senza possibilità di scelta da parte del medico.

Il contratto prevedeva, altresì, un impegno orario di “almeno” 20 ore settimanali a 38,76 Euro lorde l’ora.

 

Anno 2014

 

Allo stato attuale non siamo ancora in grado di riportare nessun dato tecnico rispetto alle attività del 2014, poiché non è ancora stato pubblicato il relativo bilancio consuntivo, ma solo il preventivo assestato, unitamente al preventivo del 2015.

In quest’anno, però, vi è stato un evento piuttosto impetuoso per i Medici Esterni, costituito da una richiesta ufficiale di “disponibilità” pubblicata nella sezione Avvisi del sito INPS, cui hanno fatto seguito le relative graduatorie regionali e la successiva firma di un nuovo contratto da cui il futuro arruolamento di un contingente di 1191 medici prioritariamente specialisti in Medicina-Legale e branche affini.

Le novità rispetto ai bandi precedenti sono state: dapprima il notevole abbassamento della remunerazione oraria che è passata dai precedenti 38,76 Euro lordi agli attuali 25,84 e l’aumento delle ore settimanali (da 20 a 25) enunciati già nella “richiesta di disponibilità” ed, in un secondo momento, la notizia fornitaci dai rispettivi Coordinatori Provinciali all’atto della firma del contratto, di ulteriori tassative disposizioni del Coordinamento Nazionale Medico-Legale sulle modalità di svolgimento della nostra attività, e cioè che “ il monte ore settimanale attribuito contrattualmente ai medici in oggetto dovrà essere distribuito su quattro giorni settimanali” e che i medici avrebbero dovuto garantire “per la peculiarità di alcune attività, anche l’espletamento della stessa attività professionale in orario pomeridiano”.

Infine, pur essendo disposizioni extracontrattuali (aggiungiamo noi) siamo anche stati resi edotti che un rifiuto a tali disposizioni avrebbe potuto comportare l’annullamento del contratto.

 

[1] Da questo momento in poi i dati debbono considerarsi tutti provenienti da Fonte INPS ed in particolare dai rendiconti annuali di bilancio. Eventuali fonti diverse saranno segnalate di volta in volta.

 

To be continued…..

 

Antonela Conticelli

Federica Ferraroni

Martina Masciotta

 

 

© Riproduzione riservata

Tags: , ,

Comments are closed.

L'amministratore della rivista "La Medicina Fiscale"

Medici fiscali, Vargiu: “Polo Unico di controllo per garantire i diritti dei lavoratori in malattia”

  “Per garantire il diritto di malattia di tutti i lavoratori occorre evitare ogni abuso di assenze e certificazioni. Confondere […]

Un accordo alto

Giovedì scorso, 20 marzo, a Roma presso la sede INPS di Via Ciro il Grande, su invito della Dirigenza dell’Ente, […]

Lettera Aperta del Segretario Nazionale FIMMG Giacomo Milillo

Lettera aperta al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e a tutti i Parlamentari.   Egregio Ministro Poletti, Onorevoli […]

INVITO UFFICIALE

A seguito dei nuovi recenti sviluppi, dell’invito da parte dell’INPS all’incontro del 20 marzo e al successivo incontro  che si […]

on. Teresa Bellanova, nuovo sottosegretario al Lavoro

teresa

  Teresa Bellanova   è nata a Ceglie Messapica, Brindisi, il 17 agosto 1958. E’ sposata con Abdellah El Motassime.   Comincia […]

La nostra lettera all’ on. Vargiu

Gentile Presidente Vargiu analizzando quanto rappresentato dall’INPS nell’audizione del 26 febbraio 2014, vorremmo sottoporre alla sua attenzione alcuni punti sui […]

La FNOMCeO scrive ai ministri: stabilizzare i medici fiscali e i medici convenzionati esterni

FNOMCeO1

Stipulare in tempi brevi l’Accordo Collettivo nazionale per disciplinare il rapporto di lavoro tra l’INPS e i medici fiscali, e […]

Ancora su lavoro autonomo e subordinato. Parte 5

privacy

Vediamo ora una recente (25 giugno 2018) sentenza della Corte di Cassazione che interviene sui criteri che distinguono un lavoro […]

Corso formativo ANMEFI

locandinaanmefi

Il 30 giugno 2018, a Ferrara, il quarto corso formativo: “Aspetti medico-legali della certificazione nella pubblica amministrazione e delle visite […]

Giulia Grillo, il nuovo ministro della Salute

giulia grillo

Giulia Grillo è nata a Catania il 30 maggio 1975. Si laurea in Medicina e Chirurgia nel 1999 e si […]

Lo stato dell’arte dei lavori per l’ACN dei medici fiscali

privacy

Dopo che lo scorso 9 maggio si è tenuta la seduta plenaria tra le sigle sindacali e associative (ANMEFI, ANMI-Femepa, […]

Giulia Bongiorno, il nuovo ministro della PA

bongiorno

Giulia Bongiorno è nata a Palermo il 22 marzo 1966. Studi classici, laurea in Giurisprudenza, si è iscritta all’Ordine degli […]