III Conferenza della Professione Medica e Odontoiatrica

Presso il bellissimo PalaCongressi di Rimini, da oggi 19 maggio a sabato 21, la Fnomceo disegna il medico, il paziente, la medicina, la sanità del futuro.

brochure fnomceodef-1

Ambiente e Salute, Medicina di Genere, Formazione, Medicina Narrativa, Cybermedicine, Responsabilità professionale, rapporti con le altre Professioni sanitarie, gestione della Complessità, nuovi bisogni di Salute, Organizzazioni sanitarie, accreditamento delle Società Scientifiche. E, ancora, la pubblicità, la sanità “low cost”, i progetti di Odontoiatria Sociale e solidale, la normativa per l’apertura degli Studi odontoiatrici, la Riforma degli Ordini. Sono, questi, solo alcuni dei temi che saranno affrontati a Rimini nei 24 Workshop di area Medica e Odontoiatrica della III Conferenza della Professione  “Guardiamo al Futuro: quale medico, quale paziente, quale medicina nel SSN?” . Più di 600 i partecipanti attesi alla convention.

Chersevani_

                “Vogliamo sì guardare al futuro, ma partendo dalle nostre radici– afferma il Presidente della Fnomceo, Roberta Chersevani -. E le nostre radici sono la Relazione di cura, i principi etici fondanti della professione e il ruolo di mediatore del medico. Mediatore tra la malattia e la salute, tra la sofferenza e il benessere. Ma anche, appunto, tra il passato e il futuro. E mediatore, nel quotidiano, tra i bisogni di Salute dei nostri pazienti, che sempre sono la nostra priorità, e le esigenze dell’economia e i lacci della burocrazia. Sinora il Sistema ha tenuto, ed è stato anche un po’ per merito nostro. Ma, come ho ripetuto tante volte in questi giorni, non possiamo farcela da soli. È per questo che abbiamo scelto come hashtag #noiconvoirimini2016”.

                “Se ci chiediamo quale medico si presenta al futuro – le fa eco il presidente dell’Omceo di Rimini, Maurizio Grossi-, dobbiamo chiederci quale medico siamo in grado di formare e consegnare al futuro. Se l’obiettivo è un nuovo medico per una medicina in evoluzione, i modelli vanno trasformati e potenziati per non rischiare l’autoreferenzialità e l’implosione”.

Oggi, dopo la presentazione della Convention, a cura del segretario Luigi Conte, la toccante relazione introduttiva del presidente Fnomceo, Roberta Chersevani ha fatto il punto della situazione attuale, mettendo in luce le sfide che ci aspettano nei prossimi anni, a partire dalla prima annosa questione dei giovani medici con il nodo specializzazioni: il futuro dell’essere medico passa proprio dalle nuove generazioni, che rappresentano il nostro ponte verso il futuro.

Il premier Renzi non è potuto intervenire per gli impegni in Europa e il ministro Lorenzin sarà presente domani pomeriggio.

FNOMCeO1