Il Consiglio di Stato ha sancito che il beneficio delle procedure di stabilizzazione è esteso  anche ai medici “precari” in rapporto di lavoro “parasubordinato” ossia “coordinato e continuativo”. Il Collegio ritiene che in questa categoria possano rientrare anche i medici il cui contratto preveda lo svolgimento per conto dell’A.S.L. dell’attività di “medico fiscale”. Sentenza n. 4893/15

FATTO: L’oggetto del contenzioso trae origine dalla legge regionale pugliese, n. 40/2007, articolo 3, comma 40, il quale disponeva originariamente quanto segue: “Nel corso del triennio 2008-2010 le aziende sanitarie e gli IRCCS pubblici procedono alla stabilizzazione del personale del ruolo della dirigenza medico veterinaria, sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa assunto con incarico a tempo determinato e in servizio alla data [31.12.2007] di entrata in vigore della presente legge”. La sopravvenuta la legge regionale n. 1/2008 ha modificato la disposizione sopra trascritta,eliminandone la parola “assunto”. L’appellato,  A. T, medico fiscale ha chiesto di partecipare alle procedure di stabilizzazione presso l’A.S.L. di Bari, ma ne è stato escluso con la motivazione che il beneficio riguardava solamente il personale “precario” in rapporto di lavoro subordinato; mentre l’interessato aveva un rapporto convenzionale libero-professionale. L’interessato ha proposto ricorso al T.A.R. di Bari. Il ricorso è stato accolto con la sentenza n. 2418/2009.

DIRITTO: Il Consiglio di Stato ha sancito che il beneficio delle procedure di stabilizzazione è esteso  anche ai medici “precari” in rapporto di lavoro “parasubordinato” ossia “coordinato e continuativo”. E’ parere del Collegio che in questa categoria rientrino anche i medici il cui contratto prevede lo svolgimento per conto dell’A.S.L. dell’attività di “medico fiscale” con un impegno orario pari, originariamente, a 24 ore alla settimana, poi elevato a 30 ore alla settimana; e che la retribuzione sia commisurata alle ore di servizio. L’appellante A.S.L riteneva invece che tale attività rientrasse  in una attività libero-professionale convenzionata ossia di “ lavoro autonomo”. Il Collegio ha rilevato che verificando le caratteristiche del contratto stipulato fra l’A.S.L. e l’interessato si possa affermare la sostanziale inesistenza di margini significativi di autonomia nell’organizzazione e nella gestione del proprio lavoro, ove si consideri che il servizio consisteva nell’effettuare le visite fiscali ai soggetti che venivano di volta in volta indicati. “Per comune opinione sono proprio questi gli elementi utili a distinguere il lavoro parasubordinato dal lavoro autonomo”. In conclusione, l’appello dell’A.S.L. è stato  essere respinto e la sentenza del T.A.R. deve essere confermata

Marcello Fontana-Ufficio Legislativo FNOMCeO

Articolo pubblicato sul sito della FNOMCeO in:  Sentenze

Documenti allegati:

CDS sentenza n. 4893

Tags: , ,

Comments are closed.

L'amministratore della rivista "La Medicina Fiscale"

Medici fiscali, Vargiu: “Polo Unico di controllo per garantire i diritti dei lavoratori in malattia”

  “Per garantire il diritto di malattia di tutti i lavoratori occorre evitare ogni abuso di assenze e certificazioni. Confondere […]

Un accordo alto

Giovedì scorso, 20 marzo, a Roma presso la sede INPS di Via Ciro il Grande, su invito della Dirigenza dell’Ente, […]

Lettera Aperta del Segretario Nazionale FIMMG Giacomo Milillo

Lettera aperta al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e a tutti i Parlamentari.   Egregio Ministro Poletti, Onorevoli […]

INVITO UFFICIALE

A seguito dei nuovi recenti sviluppi, dell’invito da parte dell’INPS all’incontro del 20 marzo e al successivo incontro  che si […]

on. Teresa Bellanova, nuovo sottosegretario al Lavoro

teresa

  Teresa Bellanova   è nata a Ceglie Messapica, Brindisi, il 17 agosto 1958. E’ sposata con Abdellah El Motassime.   Comincia […]

La nostra lettera all’ on. Vargiu

Gentile Presidente Vargiu analizzando quanto rappresentato dall’INPS nell’audizione del 26 febbraio 2014, vorremmo sottoporre alla sua attenzione alcuni punti sui […]

La FNOMCeO scrive ai ministri: stabilizzare i medici fiscali e i medici convenzionati esterni

FNOMCeO1

Stipulare in tempi brevi l’Accordo Collettivo nazionale per disciplinare il rapporto di lavoro tra l’INPS e i medici fiscali, e […]

Ancora su lavoro autonomo e subordinato. Parte 5

privacy

Vediamo ora una recente (25 giugno 2018) sentenza della Corte di Cassazione che interviene sui criteri che distinguono un lavoro […]

Corso formativo ANMEFI

locandinaanmefi

Il 30 giugno 2018, a Ferrara, il quarto corso formativo: “Aspetti medico-legali della certificazione nella pubblica amministrazione e delle visite […]

Giulia Grillo, il nuovo ministro della Salute

giulia grillo

Giulia Grillo è nata a Catania il 30 maggio 1975. Si laurea in Medicina e Chirurgia nel 1999 e si […]

Lo stato dell’arte dei lavori per l’ACN dei medici fiscali

privacy

Dopo che lo scorso 9 maggio si è tenuta la seduta plenaria tra le sigle sindacali e associative (ANMEFI, ANMI-Femepa, […]

Giulia Bongiorno, il nuovo ministro della PA

bongiorno

Giulia Bongiorno è nata a Palermo il 22 marzo 1966. Studi classici, laurea in Giurisprudenza, si è iscritta all’Ordine degli […]