Il TAR risponde ad uno dei due ricorsi in merito al bando dei medici esterni INPS

 

privacy

24 febbraio 2016:  sentenza 2566/16.

Il TAR del Lazio ha dichiarato inammissibile per difetto di giurisdizione del giudice adito il ricorso per ottenere l’annullamento dell’avviso di selezione pubblica, mediante richiesta di disponibilità, per il reperimento di 900 medici.

Siamo, invece, in attesa della risposta al secondo ricorso, quello presentato in merito alla presunta incompatibilità tra visite fiscali domiciliari INPS e attività di sede INPS: sarebbe la prima volta che si dichiarerebbero incompatibili attività all’interno dello stesso Ente, pregiudicando l’intera attività delle Medicina INPS. Già adesso, infatti, i medici interni, per esempio, possono svolgere attività di sede e, in casi particolari, le visite fiscali domiciliari. Inoltre si creerebbe un increscioso precedente, visto che la legge che regola la Medicina Fiscale pone dei vincoli già strettissimi di incompatibilità con molte attività mediche, non prevede questa incompatibilità con l’attività di sede. In atto, in questo momento, è presente in alcune regioni italiane un’incompatibilità solo territoriale tra la medicina fiscale e l’attività di sede.

 

tar 1

 

tar 2

 

tar 3

 

tar 4

 

tar 5