INPS – INAIL: protocollo di intesa per la valutazione dello stress lavoro-correlato

Il 16 marzo 2016 è stato siglato il protocollo d’Intesa tra INPS e INAIL per le attività di valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato in attuazione del DL 81/2008 che,  all’art. 28, comma 1, prevede che il datore di lavoro provveda alla valutazione di tutti i rischi ivi compresi “quelli collegati allo stress lavoro correlato, secondo i contenuti dell’accordo europeo dell’8 ottobre 2004” e al comma 1-bis che “la valutazione dello stress lavoro correlato è effettuata nel rispetto delle indicazioni di cui all’art. 6, comma 8, lettera m quater), e il relativo obbligo decorre dalla elaborazione delle predette indicazioni e comunque anche in difetto di tali elaborazioni a far data dal 1° agosto 2010”.

L’INAIL ha compiti di informazione, formazione, assistenza, consulenza, promozione della cultura della prevenzione, della progettazione della formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro e prosegue da anni quali obiettivi prioritari della propria attività in campo previdenziale la promozione e la diffusione della cultura della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e la crescita dei livelli di informazione e formazione nella specifica materia dello stress lavoro correlato.

Adesso l’’INPS  ha scelto di adottare la specifica metodologia dell’INAIL, con l’obiettivo di applicare l’intero percorso previsto dalla metodologia INAIL su tutto il personale.

L’accordo siglato prevede la collaborazione finalizzata all’individuazione di strategie di intervento e alla realizzazione di azioni formative volte a favorire la uniformità ed omogeneità della valutazione del rischio stress lavoro correlato nell’ambito delle strutture centrali e territoriali dell’INPS, anche in un’ottica di genere.

INAIL e INPS collaboreranno, garantendo le norme collegate alla privacy, per la formazione del personale finalizzata all’implementazione del percorso metodologico e all’utilizzo degli strumenti della metodologia INAIL di valutazione del rischio stress lavoro correlato, l’eventuale supporto informatico all’inserimento di dati anonimi nella piattaforma web INAIL.