Lettera aperta a tutti i medici fiscali e a tutte le associazioni e ai sindacati

Da parte del Presidente Aimpaf riceviamo e pubblichiamo questa lettera aperta

 

 

Cari medici fiscali tutti,

in questo mese di Gennaio abbiamo avuto la bella notizia della presentazione da parte del Governo di un emendamento a favore del Polo Unico all’interno della legge di riforma della Pubblica Amministrazione. Perciò in queste ultime due settimane ci siamo concentrati sull’elaborazione di una base comune e condivisa tra tutte le componenti della medicina fiscale, sindacati e associazioni compresi, senza trascurare anche i singoli medici fiscali Inps o Asl che siano. Il lavorio e lo scambio di commenti sui forum e tramite email ha permesso a molti di chiarirsi le idee.

Sappiamo quali cose vogliamo evitare e quali invece auspichiamo.

In particolare negli ultimissimi giorni abbiamo letto con grande interesse un intervento assai articolato e chiaro di Mauro Cavoli, tecnico della CGIL. Tale intervento ci pare meritevole di discussione e approfondimento perché potrebbe essere l’intervento che dà consistenza e ossatura  alle nostre richieste, pur tenendo conto dell’apporto che altri validissimi colleghi potranno dare per  l’arricchimento della proposta. Uno fra tutti: l’eccellente serie di interventi di Silvio Trabalza, vicario FIMMG settore Medici fiscali,  sulla convenzione a ore. Perciò abbiamo deciso di invitare tutte le componenti della Medicina Fiscale, nessuno escluso, a un incontro conclusivo, per stringere un accordo che vada a vantaggio di tutti i medici fiscali italiani. Quale miglior sede per questo incontro della sede nazionale dei medici italiani, la sede della Fnomceo? Noi vorremmo organizzarla lì la nostra riunione e se ci sarà l’accordo, chiederemo ospitalità al Presidente Bianco, certi del suo sostegno.