on. Teresa Bellanova, nuovo sottosegretario al Lavoro

 

Teresa Bellanova

 

è nata a Ceglie Messapica, Brindisi, il 17 agosto 1958. E’ sposata con Abdellah El Motassime.

 

Comincia a lavorare ancora adolescente e si iscrive alla CGIL partecipando alle lotte contro il caporalato. A 15 anni è eletta capolega alla Camera del Lavoro di Ceglie Messapica. Allora come oggi la rappresentanza del lavoro e la difesa dei diritti delle persone costituiscono il tratto caratteristico ed irrinunciabile del suo impegno politico e sindacale e la sua stessa dirittura di vita. Il suo percorso in CGIL la porta a ricoprire diverse funzioni come coordinatrice regionale delle donne della Federbraccianti in Puglia, poi Segretaria generale provinciale della Flai (Federazione lavoratori dell’agroindustria) CGIL di Lecce, poi ancora come Segretaria generale della Filtea CGIL (Federazione italiana lavoratori del tessile-abbigliamento) di Lecce e infine dall’8 settembre 2000 è componente della Segreteria nazionale della Filtea con delega alle politiche per il Mezzogiorno, alle politiche industriali, al mercato del lavoro, al contoterzismo e alla formazione professionale.

 

Nel 2006 si candida alle elezioni della Camera dei Deputati su richiesta del partito di cui è attiva militante, i Democratici di Sinistra. Una volta eletta, assume l’incarico di componente della XI Commissione Lavoro, dove svolge ancora un’assidua attività fino all’ultima legislatura.

 

A nome dell’intera Commissione nel 2010 presenta il documento conclusivo, approvato all’unanimità, dell’indagine conoscitiva da lei proposta su “Taluni fenomeni distorsivi del mercato del lavoro” (lavoro nero, caporalato e sfruttamento della manodopera straniera). Per il Gruppo del Partito Democratico nel 2012 relaziona sulla reintroduzione della Legge per le dimissioni in bianco e pronuncia la dichiarazione finale di voto alla Camera sulla Legge di riforma del lavoro.

 

Si candida alle elezioni primarie per la scelta dei parlamentari a dicembre 2012 in provincia di Lecce, dove si attesta come la prima con 5218 voti di preferenza.