Ripartiti i tavoli per la medicina fiscale: il comunicato SINMEVICO

Roma, 17 aprile 2019. Comunicato n°:  220

A tutti i medici di controllo INPS, iscritti e non iscritti al Sinmevico ed alle Associazioni e Sindacati di categoria. trattativa medici fiscali (MF) – INPS.

prima convocazione post interruzione ed eventi legali.

In data 16 aprile 2019 INPS ha convocato le OOSS di categoria, come primo incontro successivo alla interruzione delle trattative ed ai noti eventi legali.

La Direzione INPS ha accolto le rappresentanze in modo formalmente cortese, ma la sostanza della comunicazione è stata precisa.

INPS, nella persona dell’attuale Presidente, Dr. Pasquale Tridico ha precisato i seguenti punti:

struttura della “convenzione”:

_ la nuova “convenzione” per la medicina fiscale sarebbe inserita all’interno di una riforma generale,

   ovvero di una “convenzione” unica, all’interno della quale sarebbero presenti le due attività sanitarie INPS

   (i medici delle commissioni per la valutazione delle invalidità ed i medici per il controllo delle assenze dei lavoratori causa malattia)

_ il rapporto con INPS dovrà essere esclusivo e stabile

   (ndr: come potrà essere stabile un rapporto sottoposto a rivalutazione periodica e come si può pretendere esclusività nella insicurezza lavorativa determinata da questa verifica periodica e nella necessità di flessibilità determinata dal particolare carico lavorativo di una attività itinerante ??)

_ le necessità INPS sono dell’ordine di ca 1800 medici

_ gli “strutturati” sarebbero un numero molto ridotto rispetto a questi 1800; circa 250.

Altro argomento trattato da INPS è stato quello della rappresentatività sindacale.

INPS ha precisato che, nelle convocazioni successive all’attuale, nell’ambito della definizione della prima convenzione, saranno ammesse tutte le rappresentanze sindacali, che participeranno in rapporto alla relativa rilevanza. nelle trattative per le convenzioni successive invece saranno ammesse tutte le rappresentanze sindacali con un numero di iscritti superiore al 5% del totale dei MF. Ha anche precisato che questa percentuale potrà essere raggiunta anche attraverso federazione di sindacati e che sono ammissibili iscrizioni di un singolo medico a più sindacati (di MF), ma che alla conta delle iscrizioni dei sindacati eventualmente federati, le doppie inscrizioni sarebbero conteggiate come una.

(ndr: non è chiaro se la trattativa sarebbe a esclusivo carico della OS più rappresentativa, oppure se avverrebbe con tutte le OOSS “più rappresentative”, dove ognuno varrebbe per uno)

INPS ha anche comunicato che, nel caso di rappresentanze sindacali che avessero come iscritti sia MF che medici delle commissioni, nella trattativa in corso queste prappresentanze dovranno “spogliarsi” della categoria differente a quella della medicina fiscale

(ndr: cosa che non è avvenuta durante l’incontro, e che non sarà facile che avvenga negli incontri successivi. Del resto come potrebbero operare, alcune OOSS, eventualmente, contro gli interessi di una parte dei loro iscritti ??).

E’ stata infine anche indicata da INPS la auspicabilità, comunque, della presenza di rappresentanze sindacali dei medici strutturati INPS.

Al termine dell incontro INPS ha consegnato alle OOSS un testo di accordo per le rappresentatività sindacali, attualmente in esame da parte di Sinmevico.

L’incontro si è concluso con l’aggiornamento ad una successiva convocazione, dove la trattativa sarà ripresa dall’ultima proposta presentata dall’Istituto

( http://www.sinmevico.it/infoeart_180430_189_propinps180417.htm  ;  http://www.sinmevico.it/infoeart_180430_190_analisi17apr.htm )

Nell’occasione di questo incontro, Sinmevico ha presentato alcune osservazioni, tra le quali:

_ la mancanza di una formale nuova impostazione dell atto di indirizzo, successivamente alla sentenza TAR

_ la possibilità (necessità) di effettuare due “convenzioni separate” al posto di una unica convenzione con all’interno due gruppi differenti

   (dato che i medici fiscali hanno una loro specifica normativa di riferimento e data la particolarità della medicina fiscale; si tratta di una attività in movimento sul territorio, con impegno e problematiche molto differenti dall’altra, da cui necessità organizzative e normative specifiche. Una normativa “collegata” si potrà adattare meno bene alle due differenti funzioni e attività, rispetto a due normative indipendenti).

Le risposte INPS a queste proposte, nella evidente determinazione al raggiungimento di quanto da INPS sopra indicato, sono state sostanzialmente:

_ l’atto di indirizzo resta attivo nella sostanza, con il solo limite delle rappresentanze, che debbono essere riferite per la sola medicina fiscale e all’interno dei parametri sopra riportati

_ circa la separazioni dei due gruppi, INPS ha interesse nella realizzazione di un inquadramento unico, con all’interno due funzioni distinte.

Nessuna osservazione da parte delle altre OOSS sulla previsione di una “convenzione unica” con all’interno le due funzioni.

In conclusione:

quella che si presenta è una situazione tutta da analizzare con posizioni ancora differenti tra Istituto e tra le stesse rappresentatività sindacali.

Non chiaro inoltre come stia venendo applicata la sentenza TAR, ovvero la risposta alla indicata necessità di una formale riformulazione dell atto di indirizzo o del suo titolo come premessa al riavvio delle trattative.

Non chiaro infine è il motivo per cui INPS voglia procedere per una organizzazione unica con al suo interno due gruppi di medici al posto di una equivalente e più funzionale riorganizzazione in due gruppi, differenti ed indipendenti, indispensabile per ottenere congruità a funzioni e norme molto differenti. L’analisi dettagliata dei punti fondamentali in corso sarà presentata nel piu breve tempo possibile nel nostro sito, al fine di focalizzare l’attenzione delle OOSS e dell’Istituto sugli elementi più importanti di questa riorganizzazione.

Deve essere riportato che le difficoltà che questa trattativa sta incontrando sono dovute alle proposte al ribasso su tutti i punti, compresa la stabilità dell’incarico, e fino alla esclusione dal lavoro, che l’Istituto sta presentando ai MF, di fronte alle quali è impossibile pretendere disponibilità.

Il Direttivo Sinmevico

https://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.sinmevico.it%2Finfoeart_190417_220_tratt2conv1.htm&h=AT1422ZB5E_vu-WsMt9r7ilpsHhcUUmkdJDHE5NTrD-RB6y6drfJLPLl9uSYYPdKI1jlZbGwqTNbZyVzv4aFJh9lSz1bJnjKmzzowtR-KiNOurMlaC5wzq4DkhZGKbsWQAe73Bg