Ultime disposizioni INPS in merito alla riduzione del periodo di prognosi

La circolare INPS 79 del 2 maggio 2017 puntualizza il comportamento che deve tenere il medico certificatore e il lavoratore in malattia nel caso intervenga una riduzione del periodo di  prognosi riportato nel certificato attestante la temporanea incapacità lavorativa per malattia.

In caso di riduzione prognosi, il lavoratore non può riprendere il lavoro senza che il medico certificatore abbia emesso un nuovo certificato telematico di malattia con la nuova data di fine prognosi: nella circolare, vengono date le disposizioni nel caso in cui, per cause di forza maggiore, il medico certificatore non riesca a fare l’invio telematico del certificato stesso.

Il medico certificatore inadempiente commette “una fattispecie di illecito disciplinare”, mentre “la rettifica della data di fine prognosi, a fronte di una guarigione anticipata, rappresenta un adempimento obbligatorio da parte del lavoratore, sia nei confronti del datore di lavoro sia nei confronti dell’INPS”.

Ecco il testo integrale della circolare.

CircolareINPS79_2017.1pdf

CircolareINPS79_2017.2pdf

CircolareINPS79_2017.3pdf

CircolareINPS79_2017.4pdf